Vai al contenuto principale

Ridimensionare le immagini per velocizzare WordPress, come fare

Tra le tante variabili che influenzano il caricamento della tua pagina web troviamo le immagini. Infatti le dimensioni delle immagini che carichi all'interno delle tue piattaforme online possono appesantire e rallentare il tuo sito.

Ti è mai capitato di aver caricato un'immagine in WordPress con dimensione eccessive? Hai notato dei cambiamenti o rallentamenti all’interno del tuo sito web?

Modificare e ridimensionare le immagini è un passaggio fondamentale per migliorare il tempo di caricamento e garantire un’esperienza più fluida ai tuoi visitatori. Inoltre, avere un sito più veloce influisce positivamente anche sui motori di ricerca

Quello che bisogna tenere bene a mente ogni volta che si ridimensionano le immagini del proprio blog è che è necessario trovare il giusto equilibrio tra dimensione dell’immagine e qualità e cioè modificarne il peso senza intaccare in modo squilibrato la qualità delle immagini. Le immagini devono comunque conservare la loro funzione estetica e rendere la navigazione sul tuo sito un’esperienza piacevole.

 

ridimensionamento immagini, ridimensionare le immagini

Quanto sono rilevanti le immagini in un sito online

Hai già acquistato il tuo dominio e installato WordPress con un click, ora ti appresti a mettere su il tuo sito web e sei indeciso se inserire oppure no delle immagini. L’utilizzo di immagini assume un ruolo sempre più importante nell’ambito della comunicazione online, sia sui siti che attraverso i social. Basti pensare che la maggior parte delle informazioni che vengono trasmesse al nostro cervello sono di natura visiva. È facile intuire il ruolo giocato dalle immagini in una comunicazione così istantanea come quella online e cioè attirare l’attenzione del visitatore e orientarlo verso il messaggio che hai intenzione di comunicare.

Molte volte le immagini possono essere anche in grado di creare un effetto emozionale ed evocativo, spingendo le persone a compiere una determinata azione o suscitando in loro sensazioni e ricordi - positivi o negativi - legati al tuo brand. Per questo è importante sceglierle con cura e attenzione in base al messaggio che intendi comunicare.

Inoltre, le immagini contribuiscono a migliorare il design del tuo sito o del tuo social, rendendo la navigazione piacevole ed i contenuti più interattivi ed accattivanti.

Armonizzare le immagini del proprio sito web può aiutare a migliorare la percezione del brand, influenzare le decisioni dei tuoi potenziali clienti e aumentare i tassi di conversione dei visitatori.

Che formato utilizzare per le mie immagini?

Tra i primi passi da compiere nella scelta delle immagini è fondamentale individuare il corretto formato dei file. Ce ne sono di diverse tipologie, ma quelli più utilizzati nel web e che noi ti consigliamo sono jpeg, png e gif. La scelta del giusto formato contribuisce a migliorare le performance del tuo sito e permette di soddisfare al meglio le tue esigenze specifiche.

Jpeg

Questo formato, acronimo di Joint Photographic Experts Group, è quello più diffuso e utilizzato soprattutto per le fotografie, per le illustrazioni e per i banner. Il jpeg consente una elevata compressione delle immagini mantenendo una buona qualità - ovviamente la riduzione della qualità dipende dal grado di compressione applicato. Questo permette di ridurre notevolmente il peso del file da caricare sul tuo sito web e aumentare la velocità di caricamento.

Png

Il png - Portable Network Graphics - è uno dei formati di file più utilizzati in sostituzione al jpeg. È più recente rispetto ai formati jpg e gif e, grazie alle sue caratteristiche più avanzate, permette di avere immagini con sfondo trasparente. Per questo motivo è molto utilizzato in caso di loghi ed icone. Anche il formato png, come il jpeg, permette la compressione lossless, cioè senza perdita di informazione, garantendo una buona resa delle immagini e una diminuzione dei tempi di caricamento sul web.

Gif

L’ultimo formato che ti indichiamo è il formato gif, ovvero Graphics Interchange Format. È stato utilizzato nel web a partire dalla fine degli anni ‘80, quando fu inventato, e ancora oggi rimane una scelta valida per la creazione di immagini animate. Come il png, anche il formato gif permette di conservare la trasparenza.

Perché è importante ridimensionare le immagini

Il ridimensionamento delle immagini può essere considerato una sorta di passaggio obbligato prima del caricamento delle stesse sul tuo blog o sul tuo sito WordPress. Dopo aver fatto una panoramica sui principali formati da utilizzare per la creazione e l’ottimizzazione delle immagini, vediamo come il ridimensionamento può influenzare il tuo sito.

Né WordPress, né il tuo blog, né il tuo host, né tantomeno Google sopportano immagini di interi MB o centinaia di KB. Le immagini più pesanti di 100 KB appesantiscono WordPress o altri CMS. Per aumentare la velocità è fondamentale ridimensionarle, senza compromettere in maniera evidente la qualità, pena la perdita di tutto il lavoro fatto per cercare un'immagine bella da vedere e accattivante.

Le immagini sgranate e di scarsa qualità non sono per nulla piacevoli all’occhio umano e potrebbero sortire l’effetto contrario, comunicando un messaggio negativo come noncuranza o scarsa attenzione.

Avere a disposizione una libreria media con immagini ottimizzate ti permetterà di rendere il tuo sito WordPress più veloce e performante e diminuire il tasso di abbandono della pagina. Per di più, avere un sito più performante fa sì che Google posizioni meglio il tuo sito sulle pagine di ricerca e ne aumenti la visibilità.

Pensando al tuo sito web ti sei accorto che è arrivato il momento ti ottimizzare le immagini che hai già caricato e quelle che caricherai? Non preoccuparti, abbiamo pronti per te dei suggerimenti su quali tools utilizzare.

Tools da usare per il ridimensionamento immagini

Ma come fare per ridimensionare le immagini prima di caricarle online? Esistono tantissimi tools per farlo, molti dei quali sono in grado di ridurre la risoluzione delle immagini senza intaccarne la qualità e rimanendo per lo più inalterate all’occhio umano.

JPEGmini

JPEGmini è un programma per l’ottimizzazione delle immagini creato nel 2011 che permette, grazie al suo innovativo algoritmo, di comprimere le immagini senza avere un impatto percepibile sulla qualità. Ha una versione free oppure puoi pagare per usufruirne sempre. L’unica pecca è che permette di ridimensionare soltanto file in jpeg, ma a parte questo garantisce ottime prestazioni.

ImageOptimizer

Un altro strumento che merita attenzione è ImageOptimizer. Può essere utilizzato online o scaricato sul tuo PC. Utilizzarlo è davvero semplice, basta caricare sulla loro pagina web o sul programma la tua immagine originale e con un semplice click potrai scaricare la tua immagine ottimizzata.

Nella versione desktop viene data anche la possibilità di ottimizzare più immagini contemporaneamente, semplicemente selezionando l’intera cartella. Anche in questo caso è prevista sia una versione free che una versione premium.

Plugin di WordPress per il ridimensionamento delle immagini

Oltre a questi software, esistono anche dei plugin di WordPress che permettono di ottimizzare i tuoi file immagini direttamente dalla tua piattaforma di contenuti. Ti suggeriamo quelli che per noi sono i migliori.

Smush

Smush è uno dei miglior plugin WP per la compressione delle immagini più diffuso. Una volta configurato, è in grado di comprimere automaticamente le immagini durante il caricamento. In più può essere utilizzato anche per il ridimensionamento di vecchi file di immagine. Per non compromettere eccessivamente la qualità dell’immagine basterà impostare la massima risoluzione delle immagini. Esiste in versione free e premium.

EWWW Image Optimizer

L’ultimo strumento che ti consigliamo è EWWW Image Optimizer, un plugin per il ridimensionamento delle immagini WordPress che, al pari di Smush, ottimizza in automatico le immagini nella fase di caricamento, ma permette anche l’ottimizzazione delle immagini già caricate.

Se hai bisogno di ulteriori consigli su come ottimizzare WordPress puoi trovare la nostra guida seguendo questo link.


Pubblicato: | Aggiornamento: